Mille ripostigli

Mille ripostigli, abbiamo costruito. Mille ripostigli per nasconderci.

Dalla solitudine che mangia, dalla notte che dimentica, dal tempo che non perdona, dagli incroci senza bussola.

Mille ripostigli, di cartone, di plexiglas, di carta stagnola. Poco convincenti, senza fondamenta, senza studio, con il foglio di progettazione stropicciato. Mille ripostigli ai quali abbiamo aderito.

Nei ruoli dubbi che ci assegnavamo per tenerli in piedi, personaggi scritti male, personaggi che ci stavano stretti. In apnea siamo entrati nella parte, in apnea nelle abitudini, in apnea nella serie di reazioni e concatenazioni di cui abbiamo tessuto una quotidianità manierata.

Ne abbiamo fatto bandiera, una bandiera della quale non conoscevamo colore e fantasia, ma soltanto l’imperativo di esibirla e agitarla, e agitarla e esibirla, sul tetto dei nostri ripostigli.

Come palafitte in mezzo alla pietra, come barchette sopra un prato, come aerei di carta in un falò. Non ci sfuggivano questi dettagli, ma aderivamo a tutto, o il gioco del ripostiglio non avrebbe funzionato. Allora saremmo stati nudi, nudi e soli, e soli e inutili nella commedia che recitavamo. Avremmo dovuto interrompere, chiudere il sipario, chiedere al pubblico di abbandonare la sala. Sentire la pioggia.

Trovarci in camerino, un imbarazzato silenzio, il tentativo maldestro di sciogliere il trucco con dell’acqua.

Mille ripostigli. Guardavo la forma del cane accucciato in mezzo alla confusione, guardavo la forma della luna che si ostina a illuminare la notte e mi sistemavo negli angoli più caldi, le ginocchia vicino alle labbra. Nelle soffitte sotterranee.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: