Allargando

Una persona, due occhi, due mani.

Un tavolo, una persona, due occhi, due mani, un bicchiere.

Una finestra, un tavolo, una persona, due occhi, due mani, un bicchiere, un’agenda.

Un cielo, una finestra, un tavolo, una persona, due occhi, due mani, un bicchiere, un’agenda, un computer.

Un aereo che passa

e un cielo, una finestra, un tavolo, una persona, due occhi, due mani, un bicchiere, un’agenda, un computer, una pianta,

con le sue radici. Piccole, dentro un vaso da mensola, un vaso un po’ lezioso.

La direzione dell’aereo, l’aereo, il cielo bucato dall’aereo, la libertà di una finestra, la solidità di un tavolo, le labbra di una persona che pronuncia questi oggetti, l’attenzione di due occhi, la presa delle due mani, il rossetto sul bicchiere, la frenesia controllata dell’agenda, la sicurezza del computer, la rassegnazione della pianta

che attende, di poter bere. Attende, lanciando messaggi d’ossigeno che nel corpo di qualcuno diventano pensieri senza mai conoscersi.

 

Una risposta a "Allargando"

Add yours

Rispondi a mollymelone17 Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: